Everything Everything


Un live degli Underworld


Il primo disco live degli Underworld, gruppo che ha fatto della tecnologia al servizio dell'arte la chiave del proprio successo.

La cover di 'Everything everything'La tecnologia ha cambiato la musica, e anche la vita di alcuni musicisti. Questo è il caso degli Underworld, gruppo formatosi negli anni '80 ma che solo nell'ultimo decennio ha visto crescere la propria popolarità e produttività artistica. Infatti, come hanno ricordato gli stessi componenti del gruppo, la produzione degli anni '80 ha ben poco di memorabile, a parte forse un singolo molto azzeccato come "Doot doot". Tutto cambiò all'inizio degli anni '90, quando, anche per l'ingresso di un giovane dj, Darren Emerson, la formazione assunse l'aspetto non più di una pop band ma virò decisamente verso il territorio della dance elettronica. Il nuovo corso si è fatto sentire con decine di singoli e tre album che hanno portato il trio inglese a successi di pubblico e di critica senza precedenti. Inoltre la spiccata propensione dei componenti per la video-art ha portato gli Underworld a numerose collaborazioni televisive e cinematografiche (vedi tra tutte il caso della canzone "Born Slippy", pezzo trainante della colonna sonora di "Trainspotting" e accompagnamento di un noto spot tv). L'uscita del primo disco live, sempre un momento di conferma importante per una band ormai lanciata, è stata preceduta però da un evento che non sarà sfuggito ai fans più accaniti: l'uscita dal gruppo di Emerson, che riduce quindi i componenti ai soli Karl Hyde, voce e chitarra, e Rick Smith, la "mente" del duo, programmatore e dj-mixatore lui stesso. Comunque i brani di "Everything Everything" risalgono in gran parte a concerti registrati nel '99, durante il tour seguito a "Beacoup fish", quindi con il trio al completo. A ottobre poi uscirà anche il DVD di "Everything Everything", grazie al quale si potrà apprezzare appieno la portata tecnologico-visuale degli Underworld: grazie alle funzionalità del DVD si potrà seguire interattivamente lo show, cambiando a piacimento l'inquadratura e apprezzando l'arte visuale di Tomato, progetto artistico legato al gruppo, le cui astratte immagini in movimento venivano riprodotte durante i concerti sugli enormi schermi alle spalle della band. Naturalmente un gruppo con queste caratteristiche non poteva che avere un ottimo rapporto con Internet. E infatti in occasione dell'uscita di "Everything Everything" sono nati nuovi sitiper promuovere il CD e il DVD (vedi anche la pagina dei link). E' chiaro che senza la tecnologia tutto questo non sarebbe possibile, e i primi a ringraziare sono proprio gli Underworld, che grazie ad essa hanno potuto esprimere un talento che sarebbe rimasto altrimenti inespresso.


Underwold, Everything Everything
1. JUANITA/KITELESS 12:34.69
2. CUPS 3:26.05
3. PUSH UPSTAIRS 7:28.60
4. PEARLS GIRL 8:17.25
5. JUMBO 8:32.59
6. SHUDDER/KING OF SNAKE 12:16.16
7. BORN SLIPPY NUXX 10:56.22
8. REZ/COWGIRL 11:47.35

Discografia:
Dubnobasswithmyheadman, JBO – 1994
Second Toughest In The Infants, JBO – 1996
Beaucoup Fish, JBO/V2 - 1999
Everything Everything, JBO - V2 2000

Pierre Blanc

aggiornato il: 10 Sep, 2000